Support
Pagina 2 - Pagina 2

Bullismo e Cyberbullismo - ICS A. FRANK - Pagina 2

 

 

  

 

 

Ed è per questo che diventa indispensabile la maturazione della consapevolezza che Internet può diventare, se non usata in maniera opportuna, una pericolosa forma di dipendenza. Compito della Scuola è anche quello di favorire l’acquisizione delle competenze necessarie all’esercizio di una cittadinanza digitale consapevole. Responsabilizzare le alunne e gli alunni significa, quindi, mettere in atto interventi formativi, informativi e partecipativi:

 

Interventi formativi Safe2web - HP Enterprise

interventi formativi "L'accento sulle C"

 

Nelle linee di orientamento di ottobre 2017, vengono riportate:

L’iniziativa Generazioni connesse e gli strumenti utili per un uso corretto e consapevole delle tecnologie digitali

 

Per promuovere strategie finalizzate a rendere Internet un luogo più sicuro per gli utenti più giovani, favorendone un uso positivo e consapevole, il MIUR ha avviato l’iniziativa “ Generazioni Connesse”, sostenuta dalla Commissione Europea con lo scopo di fornire alle istituzioni scolastiche una serie di strumenti didattici, di immediato utilizzo, tra cui:

      • attività di formazione (online e in presenza) rivolte in maniera specifica alle comunità scolastiche (insegnanti, bambini/e, ragazzi/e, genitori, educatori) che intraprenderanno un percorso dedicato;

      • attività di informazione e sensibilizzazione realizzate in collaborazione con la Polizia di Stato per approfondire i temi della navigazione sicura in Rete

Attraverso un iter guidato e materiali specifici di lavoro, le scuole iscritte a Generazioni connesse, giungono all’elaborazione di una e-policy che consentirà alle istituzioni scolastiche di focalizzare il proprio Piano Triennale dell’Offerta Formativa al fine di definire:

      • il proprio approccio alle tematiche legate alle competenze digitali, alla sicurezza online e ad un uso positivo delle tecnologie digitali nella didattica;

      • le norme comportamentali e le procedure per l’utilizzo delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione (ICT) in ambiente scolastico;

      • le misure per la prevenzione;

      • le misure per la rilevazione e gestione delle problematiche connesse a un uso non consapevole delle tecnologie digitali

(Linee di orientamento per la prevenzione e il contrasto del cyberbullismo – Ottobre 2017)

 

Documento di E-Safety Policy

 

Un ulteriore strumento per contrastare comportamenti dannosi online e allo stesso tempo accrescere la conoscenza del fenomeno è “iGloss@ 1.1, l’Abc dei comportamenti devianti online”, elaborato dal Dipartimento per la Giustizia Minorile e di Comunità.

Il glossario, nella ricognizione dei termini specialistici sui comportamenti online a rischio, offre una sintetica spiegazione delle principali caratteristiche delle condotte devianti e dei risvolti socio-giuridici.

L’obiettivo non è esclusivamente descrivere e inquadrare i nuovi fenomeni della devianza online, ma favorire, altresì, l’acquisizione di consapevolezza sulle conseguenze sociali e giudiziarie di queste specifiche trasgressioni.

(Linee di orientamento per la prevenzione e il contrasto del cyberbullismo – Ottobre 2017)

 

ABC dei comportamenti devianti on line ( http://www.iglossa.org/)

 

Modalità di segnalazione di situazioni e/o comportamenti a rischio

 

La Legge 71/2017 indica per la prima volta tempi e modalità per richiedere la rimozione di contenuti ritenuti dannosi per i minori. L’art.2, infatti, prevede che il minore di quattordici anni, ovvero il genitore o altro soggetto esercente la responsabilità sul minore che abbia subito un atto di cyberbullismo, può inoltrare un'istanza per l'oscuramento, la rimozione o il blocco di qualsiasi dato personale del minore, diffuso nella rete:

    • al titolare del trattamento

    • al gestore del sito internet

    • al gestore del social media

Infatti, se entro ventiquattro ore dal ricevimento dell'istanza i soggetti responsabili non abbiano comunicato di avere preso in carico la segnalazione, e entro quarantotto ore provveduto, l'interessato può rivolgere analoga richiesta, mediante segnalazione o reclamo, al Garante per la protezione dei dati personali, il quale provvede entro quarantotto ore dal ricevimento della richiesta. Le scuole possono, altresì. segnalare episodi di cyberbullismo e la presenza di materiale pedopornografico on line al servizio Helpline di Telefono Azzurro 1.96.96, una piattaforma integrata che si avvale di telefono, chat, sms, whatsapp e skype -strumenti per aiutare i ragazzi e le ragazze a comunicare il proprio disagio-e alla Hotline “Stop-It" di Save the Children, all’indirizzo www.stop-it.it, che consente agli utenti della Rete di segnalare la presenza di materiale pedopornografico online.

 

Allegati:
Scarica questo file (E-POLICY.pdf)E-Policy[E-Policy]1280 kB
Scarica questo file (patto di corresponsabilità.pdf)Patto di corresponsabilità[Patto di corresponsabilità]313 kB
Scarica questo file (PROGETTO SIC III_ATTESTATO SCUOLA VIRTUOSA - ANNA FRANK - SESTO SAN GIOVANNI.pdf)Attestato di Scuola Virtuosa[Attestato di Scuola Virtuosa]259 kB
Scarica questo file (REGOLAMENTOcyberbullismoFrank18.pdf)Regolamento prevenzione bullismo e cyberbullismo[Regolamento prevenzione bullismo e cyberbullismo]369 kB
Scarica questo file (Regolamento_disciplina.pdf)Regolamento disciplina[Regolamento disciplina]378 kB
Scarica questo file (Slides_Incontro_1.pdf)Cyberbullismo - Avv Stefania Crema[Mediatore familiare e dei conflitti]3541 kB